partigiano

IL PARTIGIANO GIANNI
Giovanni Tansini 1920-1944

 

Gianni Tansini
 
 Biografia
 Medaglia d'argento
 Luoghi della memoria
 Codogno ricorda
 Documenti

 Video
 Links
 Cerca

Questioni partigiane
 
 Divisione "Piacenza"
 Sentieri partigiani
 Giustizia e Libertà

Letture resistenti
 

 Beppe Fenoglio
 Piero Calamandrei
 Primo Levi
 Antonio Gramsci
 Nikola Vaptzarov
 
Canti partigiani

 Bella ciao
 Fischia il vento
 Dalle belle città
 Festa d'aprile
 Dischi consigliati

    Sentieri Partigiani nell'Appennino Piacentino

Coniugare il valore della memoria storica al tema dello sviluppo turistico delle valli piacentine.

Si propone così la cartoguida “Sentieri partigiani” della provincia di Piacenza che è stata presentata in Provincia e che punta alla valorizzazione di diversi luoghi dell'Appennino piacentino che furono teatro di episodi durante gli anni della Resistenza.

Si tratta di otto percorsi tematici distribuiti tra Valtrebbia e Valtidone (quattro itinerari), Valnure (due percorsi), e Valdarda (altri due itinerari).
Ognuno è corredato di un tracciato geografico (che si collega anche a percorsi del Cai) con tanto di legenda, e da una parte discorsiva in cui vengono descritti i singoli luoghi che si incontrano strada facendo.

La descrizione non si sofferma sugli aspetti paesaggistici visto che ogni percorso rappresenta un viaggio della memoria sui luoghi che 60 anni fa furono teatro dei fatti legati alla Resistenza.
«Una guida - ha spiegato l'assessore provinciale al turismo Mario Magnelli - che racconta quello che è successo nelle nostre valli tanti anni fa coniugando memoria storica e promozione del territorio».

La cartoguida, come spiegato da Magnelli, si inserisce all'interno delle iniziative per il 60° anniversario dalla Liberazione ed è stata promossa dalla Provincia, da tutte le comunità montane del piacentino, Soprip, Piacenza turismi e Istituto storico della Resistenza.

«La cartoguida - è intervenuto anche Giovanni Rossi, rappresentante piacentino nel cda della Soprip - nasce nell'ottica di non dimenticare gli episodi della Resistenza accaduti sul nostro Appennino e di valorizzare quei luoghi che ne furono teatro». «Si tratta - ha proseguito Rossi - di una sorta di mosaico documentato e tutto incentrato sui fatti della lotta partigiana». «C'era - ha detto anche Giovanni Capece presidente della Soprip - la necessità di consolidare luoghi ed episodi di cui oggi si rischia di perdere la memoria, mettendoli a disposizione di chi non li conosce».

Presente anche la direttrice dell'Istituto storico della Resistenza Carla Antonini che ha dato disponibilità per la predisposizione di eventuali uscite didattiche con le scuole lungo i sentieri tracciati dalla Cartoguida.

La stesura dei percorsi attraverso «i luoghi della memoria» è stata fatta da una storica, Severina Fontana, che si è avvalsa della collaborazione di alcuni ricercatori.

«Come prima cosa - ha spiegato la storica - è stato fatto un censimento dei luoghi che sono stati toccati dalla Resistenza, che sul nostro territorio ha avuto un forte radicamento. Tutti i percorsi si raccolgono intorno a luoghi che si prestano a raccontare la Resistenza sulle nostre montagne».

Accanto ad ogni didascalia gli studiosi hanno inserito foto e testimonianze dirette che raccontano gli episodi di quegli anni.

Le cartoguide sono già disponibili presso gli uffici della Provincia in via Garibaldi 50.

Fonte: La Libertà (Piacenza) 07.10.2005

Uno strumento che ci aiuterà a ricordare chi combattè per la nostra libertà

Presentata la carta dei sentieri dei Partigiani
Uno strumento che ci aiuterà a ricordare chi combatté per la nostra libertà

Se c’è un periodo che noi piacentini non possiamo permetterci di dimenticare è quello che ha visto fiorire la Resistenza sulle nostre montagne. Non possiamo dimenticarlo perché ci tocca da vicino, per il contributo di sangue, sacrifici, abnegazione che la nostra gente, i nostri partigiani, seppero dare alla causa della libertà, alla lotta contro il nazifascismo, alla costruzione dell’Italia democratica. Eppure, fino a ieri il ricordo di quegli eventi, di quegli eroi, era legato alla memoria di chi quegli eventi aveva vissuto e quelle persone aveva conosciuto. Era perciò un ricordo destinato ad estinguersi, inevitabilmente, con il diradarsi di quei Testimoni. Oggi, fortunatamente, non è più così. Tante iniziative si sono realizzate, nell’ultimo anno, in occasione del sessantesimo anniversario della Liberazione, grazie alla Provincia e ad altre Istituzioni, per conservare la memoria di quegli eventi.

Una, la cartoguida dei sentieri partigiani, è stata presentata ieri in Provincia, in conferenza stampa. Realizzata dall’Amministrazione provinciale in collaborazione con SOPRIP, tre Comunità montane e Istituto storico della Resistenza, con la consulenza di un team di ricercatori coordinato dalla prof.ssa Severina Fontana, storica, e con il contributo del CAI, propone otto itinerari, in parte percorribili con automezzi, in parte a piedi, che toccano i luoghi culto della guerra partigiana sulle nostre montagne, richiamano eventi tragici, battaglie, agguati, stragi, il grande rastrellamento dell’inverno 44 – 45. Sono, quelli delineati sulla cartina, i sentieri bagnati dal sangue di quei giovani martiri, segnati dai cippi, dalle lapidi, da poveri simulacri che ricordano eccidi, esecuzioni sommarie, vicende umane che rappresentano un grande insegnamento di vita, soprattutto per i giovani.

“La carta – ha detto l’assessore provinciale alla Cultura e al Turismo Mario Magnelli – vuole essere uno dei tanti strumenti che abbiamo realizzato per conservare per sempre la memoria di quegli eventi e onorare coloro che combatterono tra le file partigiane. Vuole anche essere, tuttavia, una opportunità in più per promuovere il nostro turismo, una particolare forma di turismo, quello storico, rivolto in particolare alle scolaresche”. “L’attività partigiana in questa provincia è stata così intensa che abbiamo dovuto fare delle scelte – ha spiegato Severina Fontana –, privilegiando i percorsi più significativi, con un occhio al loro aspetto paesaggistico. Abbiamo rivolto la nostra attenzione non solo agli eventi ma anche ai personaggi, ad alcune figure partigiane che si distinsero particolarmente per il loro coraggio, come “Paolo”, il “Valoroso”, il “Ballonaio”. E abbiamo cercato, nel delineare le piste, di favorire un contatto tra chi percorrerà quei sentieri e coloro che furono testimoni di quegli eventi.

Non ci fermeremo qui: nei prossimi mesi lungo gli itinerari verranno installati cartelloni illustrativi della storia del periodo e degli episodi accaduti lungo i percorsi. E’ anche in programma la realizzazione di una guida dettagliata, a corredo della cartina”. Che contiene già, tuttavia, numerose e precise indicazioni sulla guerra partigiana nel Piacentino. All’incontro di presentazione hanno partecipato, oltre ai citati, il presidente di SOPRIP, Giovanni Capace, e il rappresentante piacentino nel Consiglio di Amministrazione della società, Giovanni Rossi, la direttrice dell’Istituto storico della Resistenza Carla Antonini. La carta è disponibile in Provincia, fino ad esaurimento. Sarà distribuita a tutte le scuole piacentine.

07.10.2005 - A cura dell'Ufficio Stampa della Provincia di Piacenza



  Ultimo aggiornamento: 24.08.2014 Perché questo sito e-mail: webmaster (at) partigiano.net